mercoledì 28 maggio 2014

Modest Petrovič Musorgskij

Modest Petrovič Musorgskij (scritto anche Mussorgsky) (in russoМоде́ст Петро́вич Му́соргский[?]Karevo21 marzo 1839 – San Pietroburgo28 marzo 1881) è stato un compositore russo. Musicista del periodo romantico, è da ricordare come un appartenente al cosiddetto Gruppo dei Cinque (compositori che alla loro musica conferirono un'impronta nazionale, e anche nazionalista, intesa come riscoperta delle musiche russe tradizionali e del loro impatto sulla cultura nazionale).

Pur destinato a una carriera militare, il suo interesse principale fu la musica, per cui seguì questa passione anche se essa gli procurò una vita di miseria.

Le sue composizioni esprimono l'inquietudine dell'uomo; affetto da disturbi di nevrosi e depressione, causati in parte dal vizio del bere, durante un soggiorno in campagna dal fratello - durato tre anni - si dedicò con fervore ad alcune delle sue opere più importanti, come Una notte sul Monte Calvo (1867, riv. nel 1875) per orchestra, e diverse liriche per canto e pianoforte; ancora nel 1874 musicò alcune poesie del conteGoleniščev-Kutuzov, fra cui Canti e danze della morte. Dello stesso periodo è la celebre suite per pianoforte Quadri di un'esposizione (Kartinki s vystavki, composto fra il 2 e il 22 giugno 1874), un tentativo di tradurre in musica alcuni disegni e acquerelli dell'amico artista Viktor Aleksandrovič Hartmann (1834-1873) visti ad una mostra. L'opera fu pubblicata postuma e destinata ad avere una particolare fortuna soprattutto per la ricchezza ritmica e la novità di timbri, che indurranno Maurice Ravel a scriverne una magistrale orchestrazione. Una versione moderna dell'opera è stata eseguita dal gruppo progressive rock inglese Emerson, Lake & Palmer. Inizialmente il titolo del ciclo era Hartmann.

Quadri di un'esposizione fu pubblicato la prima volta nel 1886, cinque anni dopo la morte dell'autore, a cui seguì una seconda edizione, con una prefazione di Vladimir Stasov. In entrambi i casi il revisore fu Nikolaj Rimskij-Korsakov che - snaturando una delle più belle composizioni mai scritte - ammorbidì i tocchi audaci di Musorgskij, con il risultato che il lavoro non fu stampato nella sua forma originale.

Il suo capolavoro è considerato l'opera Boris Godunov (da un dramma di Puškin), l'unico suo melodramma rappresentato mentre era ancora in vita, mentre le successive Chovanščina e La fiera di Soročynci sono rimaste incompiute alla sua morte, e completate e/o orchestrate da altri musicisti russi (Nikolaj Rimskij-Korsakov il più noto), nelle cui versioni vengono oggi messe in scena.

martedì 27 maggio 2014

Seghizzi Soundcloud

Sergej Vasil'evič Rachmaninov

Sergej Vasil'evič Rachmaninov (in russoСергей Васильевич Рахманинов[?]; altra traslitterazione in uso: RachmaninoffVelikij Novgorod1º aprile 1873 – Beverly Hills,28 marzo 1943) è stato un compositorepianista e direttore d'orchestra russonaturalizzato statunitense. Di fama mondiale, è considerato uno dei più grandi compositori e pianisti russi di sempre. Amava considerarsi soprattutto un compositore, piuttosto che un pianista, anche se lo sviluppo della sua carriera - per certi versi tormentata, almeno agli inizi - sembrava essere la dimostrazione del contrario.

lunedì 26 maggio 2014

Concorso Internazionale di Canto Corale - Seghizzi

Seghizzi - 53mo Concorso Internazionale di Canto Corale
Gorizia 17 - 21 Luglio 2014

Filippo Terni

Filippo Terni - Adriano Cirillo
Concerto 24 Maggio 2014

Luzzasco Luzzaschi

Luzzasco Luzzaschi (Ferrara1545 – 11 settembre 1607) è stato un organista e compositore italiano del XVI secolo.
Secondo quanto affermato da lui stesso, Luzzaschi studiò con Cipriano de Rore. Studiò probabilmente organo con Jacques Brunel e potrebbe aver studiato contrappunto anche con Alfonso dalla Viola, dopo che Rore lasciò Ferrara nel 1558. Fu impiegato in qualità di maestro di cappella nella cattedrale della città natale e lavorò al servizio del ducaAlfonso II d'Este. Fu responsabile musicale per il celebre Concerto delle donne, per il quale scrisse molti madrigali, compresi i Madrigali per cantare et sonare a 1-3 sopranidel 1601; in questa posizione fu anche insegnante di molti musicisti che poi diventarono famosi, come Girolamo Frescobaldi. Morì all'età di sessantadue anni e fu inumato nella chiesa dei Carmelitani di Ferrara.

venerdì 23 maggio 2014

www.filippoterni.com

Filippo Terni
www.filippoterni.com

Jean-Baptiste Lully

Jean-Baptiste Lully /ʒɑ̃ baˈtist lyˈli/ o Giovanni Battista Lulli (Firenze28 novembre1632 – Parigi22 marzo 1687) è stato un compositoreballerino e strumentista italianonaturalizzato francese.

Trascorse gran parte della sua vita alla corte di Luigi XIV, ottenendo, nel 1661, la naturalizzazione francese.

Lully esercitò una considerevole influenza sullo sviluppo della musica francese; molti musicisti, sino al XVIII secolo, faranno riferimento alla sua opera. Suoi collaboratori o seguaci furono il contemporaneo Marc-Antoine CharpentierPascal CollasseMarin MaraisHenry DesmarestJean-Philippe Rameau e Christoph Willibald Gluck.

mercoledì 21 maggio 2014

Igor' Fëdorovič Stravinskij

Igor' Fëdorovič Stravinskij (in russoИгорь Фёдорович Стравинский[?];Lomonosov17 giugno 1882 – New York6 aprile 1971) è stato un compositore russonaturalizzato francese, e in seguito statunitense.

Igor Stravinsky 1946.JPG

La maggior parte dei suoi lavori rientra nell'ambito del neoclassicismo e poi dellaserialità, ma la sua popolarità presso il grande pubblico si deve ai tre balletti composti durante il suo primo periodo (noto come il periodo russo): L'uccello di fuoco (1910),Petruška (1911) e La sagra della primavera (1913), opere che reinventarono il genere del balletto.

Stravinskij scrisse per ogni tipo di organico, spesso riutilizzando forme classiche. La sua opera omnia include composizioni d'ogni genere, dalle sinfonie alle miniature perpianoforte.

Ottenne grande fama come pianista e direttore d'orchestra, dirigendo spesso le prime delle sue composizioni, e fu anche pubblicista. Scrisse anche due saggi di filosofia musicale, nei quali esponeva le giustificazioni riguardo alla sua visione della musica come suprema arte dinamica che non può essere mai rinchiusa in canoni prestabiliti e un libriccino teorico intitolato Poetica della musica, in cui tra le altre cose dichiara che la musica è incapace "di esprimere niente altro che se stessa". In questa luce si può intendere il suo radicale antiwagnerismo. Craft trascrisse inoltre numerose interviste con il compositore, in seguito pubblicate sotto il titolo di Conversazioni con Stravinskij.

Tipico russo cosmopolita, Stravinskij fu uno dei più apprezzati compositori del XX secolo, sia nel mondo occidentale che nel suo paese d'origine.

martedì 20 maggio 2014

Filippo Terni

Filippo Terni - Vincenzo Langella
Teatro Comunale di Ferrara

Dmitrij Dmitrievič Šostakovič

Dmitrij Šostakovič (rus. Дмитрий Дмитриевич ШостаковичSan Pietroburgo25 settembre 1906 – Mosca9 agosto 1975) fu un compositore e pianista sovietico.

Ritenuto tra i più importanti compositori di scuola russa e, più in generale, della musica del Novecento, Šostakovič ebbe un travagliato rapporto con il governo sovietico: subì infatti due denunce ufficiali a causa delle sue composizioni (la prima nel 1936, la seconda nel 1948) e i suoi lavori furono periodicamente censurati. La sua totale riabilitazione avvenne solamente dopo la morte di Stalin, e culminò con la sua elezione al Consiglio supremo sovietico e alla nomina ad ambasciatore dell'URSS in importanti eventi culturali di tutto il mondo. Ricevette moltissimi riconoscimenti e titoli internazionali.

La sua vasta produzione comprende musica sinfonica e corale, ma anche moltamusica da camera, per balletti e, soprattutto, per film. Šostakovič è stato infatti uno dei più prolifici autori di musiche per pellicole della Russia sovietica.

lunedì 19 maggio 2014

Filippo Terni


FILIPPO TERNI è nato a Ferrara, città dove ha iniziato la sua formazione artistica presso il conservatorio "G. Frescobaldi" prima con Rina Cellini ed in seguito Adriano Cirillo con cui si è diplomato con 10 e lode e menzione d'onore. Nel 1998 e 2003 è risultato vincitore del primo premio al Concorso Internazionale di Varenna "Lario in Musica" e nel 2006 gli viene assegnata la borsa di studio "S. Pertini" a Ferrara. E’ stato inoltre invitato a tenere concerti come solista in prestigiosi Auditorium e Teatri nazionali con successo di pubblico e di critica. Tra i numerosi concerti effettuati nel 2009, vale la pena ricordare il concerto di inaugurazione del 48° Concorso Internazionale " Cesare Augusto Seghizzi" di Gorizia ed il concerto presso il Teatro Alighieri di Ravenna nell'ambito della manifestazione "Ravenna Festival". Nella stagione 2010 gli viene rinnovato l'invito per "Ravenna Festival" con il concerto notturno "Dans l'air du soir", ed effettua il concerto per la celebrazione del 90° Anniversario di Fondazione dell'Associazione "Cesare Augusto Seghizzi" di Gorizia. Gli viene assegnato il ruolo di pianista nell'orchestra dell'opera di Nino Rota "Il Principe Porcaro" diretto da Luisa Russo eseguito al Teatro Comunale di Ferrara. Sempre nello stesso anno incide un disco di musica classica per pianoforte solo con musiche di Mozart, Schubert e Debussy edito da Montefeltro Edizioni Musicali. Nel 2011 si ricorda il "Concerto di Carnevale" tenutosi al Teatro Comunale di Ferrara, in cui è primo pianista nel Carnevale degli animali di C. Saint Saens, concerto per due pianoforti ed orchestra, direttore Luisa Russo, orchestra del Conservatorio di Ferrara.

Felix Mendelssohn

Jakob Ludwig Felix Mendelssohn Bartholdy (Amburgo3 febbraio 1809 – Lipsia4 novembre 1847) fu un compositoredirettore d'orchestrapianista e organista tedesco.

venerdì 16 maggio 2014

Filippo Terni

Filippo Terni - Adriano Cirillo
Italo Montiglio
Cori Seghizzi e Perosi

Ludwig van Beethoven

Ludwig van Beethoven (pronuncia tedesca [ˈluːtvɪç fan ˈbeːthoːfn̩][1][2][3]Bonn16 dicembre 1770[4] – Vienna26 marzo 1827) è stato un compositore e pianista tedesco.

Figura cruciale della musica colta occidentale, fu l'ultimo rappresentante di rilievo del classicismo viennese, nonché precursore del romanticismo. È considerato uno dei più grandi compositori di tutti i tempi. Nonostante i problemi di ipoacusia che lo afflissero prima ancora d'aver compiuto i trent'anni, egli continuò a comporre, condurre e suonare, anche dopo che fu diventato del tutto sordo. Beethoven ha lasciato una produzione musicale fondamentale, straordinaria per la sua forza espressiva e per la capacità di evocare una gran mutevolezza di emozioni[5].

Beethoven influenzò fortemente il linguaggio musicale del XIX secolo e di quelli successivi, tanto da rappresentare un modello per molti compositori. Il mito del Beethoven artista eroico, capace di trasmettere attraverso la sua opera ogni sua emozione, esperienza personale o sentimento, crebbe moltissimo nel periodo Romantico[6]; ciò nonostante, pur anticipando molti aspetti del futuro romanticismo,[7][8] la sua adesione alle regole dell'armonia nelle modulazioni, il rigetto dei cromatismi nelle melodie nonché la cura dell'equilibrio formale dei brani, lo collocano nel solco della tradizione del Classicismo[9]. Nel vasto catalogo delle composizioni beethoveniane, grande rilievo hanno la sua produzione cameristica, quella sinfonica e le opere pianistiche.


mercoledì 14 maggio 2014

Salotto Musicale Ottocento

Passi d'Amore
Scuola di danza Avenal
Coreografie Parva e Selene Lupieri
Cori Seghizzi e Perosi
Pianisti Adriano Cirillo - Filippo Terni
Direttore Italo Montiglio

Filippo Terni

Filippo Terni - Maria Luisa Langella
Teatro Comunale - Ferrara
www.filippoterni.com

Maurice Ravel

Joseph-Maurice Ravel (Ciboure7 marzo 1875 – Parigi28 dicembre 1937) è stato un compositorepianista e direttore d'orchestra francese.

Il suo brano più celebre per orchestra è certamente Boléro. Molto nota è anche l'orchestrazione, realizzata nel 1922, dei Quadri di un'esposizione di Modest Mussorgsky. Egli stesso descrisse il suo Boléro come "una composizione per orchestra senza musica". Le orchestrazioni di Ravel sono da apprezzare in modo particolare per l'utilizzo delle diverse sonorità e per la complessa strumentazione.

martedì 13 maggio 2014

Filippo Terni

Filippo Terni
www.filippoterni.com


Johann Sebastian Bach

Johann Sebastian Bach (pronuncia tedesca [ˈjoːhan zeˈbasti̯an ˈbax][1]Eisenach31 marzo 1685 secondo il calendario gregoriano, 21 marzo 1685 secondo quello giuliano– Lipsia28 luglio 1750) è stato un compositoreorganistaclavicembalista e maestro di coro tedesco del periodo barocco, di fede luterana, universalmente considerato uno dei più grandi geni nella storia della musica. Le sue opere sono notevoli per profondità intellettuale, padronanza dei mezzi tecnici ed espressivi e bellezza artistica.

Bach operò una sintesi mirabile fra lo stile tedesco (di cui erano stati esponenti, fra gli altri, Pachelbel e Buxtehude) e le opere dei compositori italiani (particolarmenteVivaldi), dei quali trascrisse numerosi brani, assimilandone soprattutto lo stile concertante. La sua opera costituì la summa e lo sviluppo delle svariate tendenze compositive della sua epoca. Il grado di complessità strutturale, la difficoltà tecnica e l'esclusione del genere melodrammatico, tuttavia, resero la sua opera appannaggio solo dei musicisti più dotati e all'epoca ne limitarono la diffusione fra il grande pubblico, in paragone alla popolarità raggiunta da altri musicisti contemporanei come TelemannHändel.

Nel 1829 l'esecuzione della Passione secondo Matteo, diretta a Berlino da Felix Mendelssohn, riportò alla conoscenza degli appassionati la qualità elevatissima dell'opera compositiva di Bach, che è da allora considerata il compendio della musicacontrappuntistica del periodo barocco.


lunedì 12 maggio 2014

Filippo Terni

Filippo Terni - Vincenzo Langella
Teatro Comunale di Ferrara
www.filippoterni.com

Franz Joseph Haydn

Franz Joseph[1] Haydn (Rohrau31 marzo 1732 – Vienna31 maggio 1809) è stato un compositore austriaco. Uno dei maggiori del periodo classico [2], è considerato il "padre" della sinfonia e del quartetto d'archi. Trascorse la maggior parte della sua lunga carriera in Austria, come maestro di cappella presso la famiglia Esterházy.

venerdì 9 maggio 2014

Filippo Terni

Filippo Terni
www.filippoterni.com

Johannes Brahms

Johannes Brahms (Amburgo7 maggio 1833 – Vienna3 aprile 1897) è stato uncompositorepianista e direttore d'orchestra tedesco.

Il critico musicale Eduard Hanslick, contemporaneo del compositore, indicò in Brahms l'antagonista della "musica avveniristica" wagneriana, ascrivibile a quel filoneromantico (al quale appartenevano anche Liszt e Berlioz) che intendeva trasferire nell'opera musicale i tratti letterari e collocava il fatto musicale all'interno di un programma che, affermando l'emancipazione rispetto al rigido impianto formale classico, ricercava una maggiore libertà espressiva.

Il secondo romanticismo musicale tedesco, turbato dal titanismo estremo di Richard Wagner, è invece attraversato da profonda intimità in Brahms, nel quale la severa continuità con la tradizione classica si armonizza con il ricorso ad accenti romantici. La musica brahmsiana, orientata a un vivido sinfonismo e segnata dal sistematico spirito di rivisitazione della struttura compositiva, meditata e sofferta, si accompagna a una tendenza a prediligere la spontaneità dei tratti della musica popolare viennese eungherese. La trama musicale, adagiata nello spirito di riflessione e ripiegamento, esprime un senso di affettiva profondità e di dolcezza poetica (soprattutto nell'ultima produzione pianistica e sinfonica).

In realtà fu la critica a fare di Brahms un epigono del classicismo, contrapposto a Wagner. Il suo rifiuto dell'"avvenirismo" wagneriano e l'estraneità al teatro musicale ne fecero un esponente di un filone in controtendenza rispetto alle avanguardie. Dal punto di vista della tecnica musicale Bramhs fu tuttavia moderno allo stesso modo dei moderni suoi presunti "concorrenti". Nella fusione delle tecniche e nella ripetizione di generi il musicista amburghese esprimeva la propria anima decadente, rivolta alla reinterpretazione del passato, ma in forme diverse e innovative.

giovedì 8 maggio 2014

Filippo Terni

Filippo Terni
www.filippoterni.com

Claude Debussy

Claude-Achille Debussy (Saint-Germain-en-Laye22 agosto 1862 – Parigi25 marzo1918) è stato un compositore e pianista francese. È considerato e celebrato in patria e nel mondo come uno dei più importanti compositori francesi, nonché uno dei massimi protagonisti insieme a Maurice Ravel dell'impressionismo musicale, definizione che però lui non gradiva fosse accostata alle sue opere.[1]

Rudolph Réti ha dichiarato che l'impresa di Debussy fu la sintesi della "tonalità melodica" a base monofonica con le armonie, sebbene diverse da quelle della "tonalità armonica".

mercoledì 7 maggio 2014

Filippo Terni

Filippo Terni
www.filippoterni.com

Franz Liszt

Franz Liszt, conosciuto in ungherese come Liszt Ferenc[1], e in tedesco anche come Franz von Liszt (Raiding22 ottobre 1811 – Bayreuth31 luglio 1886), è stato uncompositorepianistadirettore d'orchestra e organista ungherese.

Studiò e suonò a Vienna e Parigi, viaggiò in tutta l'Europa tenendo concerti un po' ovunque. Fu uno dei grandi virtuosi del pianoforte dell'Ottocento, rivoluzionò la tecnica pianistica e il rapporto tra pubblico ed esecutore. Fu legato a Fryderyk Chopin da amicizia e stima. Nel 1865 divenne accolito nell'ordine francescano della Chiesa cattolica. Era il suocero di Richard Wagner, avendo quest'ultimo sposato sua figliaCosimaÈ stato inoltre abate nella Cattedrale di Albano Laziale (Roma).[

martedì 6 maggio 2014

Filippo Terni

Filippo Terni
www.filippoterni.com

Ottorino Respighi

Ottorino RespighiAccademico d'Italia (Bologna9 luglio 1879 – Roma18 aprile1936), è stato un compositoremusicologo e direttore d'orchestra italiano, noto soprattutto per una serie di poemi sinfonici dedicati a Roma: la Trilogia romana. È appartenuto alla generazione dell'Ottanta, insieme ad Alfredo CasellaFranco AlfanoGian Francesco Malipiero e Ildebrando Pizzetti.

« Fra i compositori italiani del Novecento storico, Ottorino Respighi (1879-1936) è sicuramente quello che ha avuto e ha meno bisogno di spinte esterne, festival promozionali, convegni e occasioni monografiche per trovare quella diffusione, la fortuna e la fama internazionale che all'autore dei tre poemi sinfonici romani arrise praticamente da subito, sulla scorta di bacchette qualiToscaniniDe Sabata e Karajan ieri l'altro o ieri, MaazelMuti, o Sinopoli oggi. »(Alberto CantùRespighi compositore, Torino, Eda, 1985)

Filippo Terni

Filippo Terni - Vincenzo Langella
Accademia di Belle Arti di Bologna


Moritz Moszkowski

Moritz Moszkowski (Breslavia23 agosto 1854 – Parigi4 marzo 1925) è stato uncompositore e pianista polacco.
Dopo aver studiato a Breslavia-allora appartenente alla Germania-Dresda e Berlino, ebbe notevole fama sviluppando una notevolissima carriera concertistica.

Ha scritto più di duecento pezzi per pianoforte dal carattere brillante che gli portarono molta popolarità, in particolare la sua serie di danze spagnole (op. 12), un concerto per pianoforte e orchestra (op.59, in mi maggiore) i 15 Études de virtuosité (op.72 Per Aspera), l'opera teatrale Boabdil (1892) e alcuni pezzi di musica sinfonica.

lunedì 5 maggio 2014

Filippo Terni - Promenade


Label: You da One
Albuminterpret: Filippo Terni
Titel: Promenade
Genre: Classic - Modern Composition
Dauer: 00:05:15
Release Datum: 18/05/2014
Format: Digital download
Release Copyright: You da One Deutschland
Visuelles Copyright: You da One Deutschland
Produktionsjahr: 2014
Katalognummer: YDOD021

Filippo Terni


Filippo Terni
www.filippoterni.com

Fryderyk Chopin

Fryderyk Franciszek Chopin, il cui nome è noto anche nella variante francesizzataFrédéric François[1] Chopin[2] (Żelazowa Wola22 febbraio 1810[3] – Parigi17 ottobre 1849), è stato un compositore e pianista polacco. Fu uno dei grandi maestri della musica romantica ed è talvolta definito «poeta del pianoforte»[4].

Gran parte delle composizioni di Chopin vennero scritte per pianoforte solista; le uniche significative eccezioni sono i due concerti per pianoforte. Le sue opere sono spesso impegnative dal punto di vista tecnico, ma mantengono sempre le giuste sfumature e una profondità espressiva. Egli inventò la forma musicale nota comeballata strumentale e addusse innovazioni ragguardevoli alla sonata per pianoforte, alla mazurca, al valzer, al notturno, alla polonaise, allo studio, all'improvviso, alloscherzo e al preludio.